in foto: Tiziana Cantone, la giovane suicida a 31 anni a causa di un video hard illecitamente diffuso in rete e diventato virale

Si suicidata una ragazza di 31 anni, Tiziana Cantone, residente con la madre a Mugnano in provincia di Napoli. La giovane non avrebbe resistito alla vergogna per una serie di video hot finiti in Rete nello scorso anno e diventati virali. Ha deciso di farla finita nell'abitazione della madre, impiccandosi con un foulard ad una panca multiuso che aveva in casa.La stessa giovane avrebbe peraltro tentato di togliersi la vita nei mesi scorsi, come aveva dichiarato negli atti giudiziari conseguenti le denunce contro chi illecitamente aveva diffuso sul web dei video hard destinati ad essere privati. Tanta era la vergogna che la 31enne aveva chiesto di cambiare identità ottenendo il via libera del tribunale. Tiziana lavorava nel locale di cui erano titolari i genitori, in provincia di Napoli, e in seguito alla diffusione dei video fu costretta prima a lasciare l'attivita', poi a trasferirsi fuori Campania. Di recente era tornata in provincia di Napoli, a Mugnano, a casa di una parente.

"Stai facendo un video? Bravo": la storia dei filmati di Tiziana Cantone.

I video hot avevano cominciato a circolare su whatsapp e Facebook raggiungendo in pochi giorni decine di migliaia di visualizzazioni. La procura ha aperto un fascicolo per istigazione al suicidio: potrebbero venire iscritti al registro degli indagati gli autori materiali della divulgazione del filmato. La vicenda era finita in Tribunale negli scorsi mesi, quando il suo avvocato aveva descritto le condizioni psicologiche della giovane: "È depressa e ha istinti suicidi", ha "tentato di buttarsi giù dal balcone. Piange continuamente, soffre di attacchi di panico, non può più uscire liberamente di casa". La ragazza denunciò chi aveva diffuso le foto e il video che la ritraevano rovinandole la vita, l'udienza si sarebbe dovuta tenere entro fine 2016.