In gran parte del mondo è diventata una pratica quasi di uso comune e, da qualche tempo, il grande successo è arrivato anche in Italia. Ma, la Rage Room, sta per arrivare anche a Napoli: si tratta della cosiddetta "stanza della rabbia", un luogo in cui si può rompere e spaccare tutto quello che ci si trova davanti per sfogare lo stress della quotidianità. La Rage Room di Napoli – si tratta della prima del Sud Italia – aprirà i battenti sabato 18 gennaio a Fuorigrotta, quartiere della periferia occidentale del capoluogo campano, precisamente in via Tiberio, al civico 70.

Come detto, le "stanze della rabbia", importate dagli Stati Uniti, hanno aperto con sempre maggior frequenza in Italia negli ultimi anni. Ma come funziona? Dietro il pagamento di una somma di denaro, che varia dalla durata dell'esperienza, il cliente viene dotato di un'arma – che può essere una mazza da baseball, un martello o altri oggetti contundenti – con la quale può distruggere tutti gli oggetti posizionati all'interno della stanza. Una maniera per alleviare le tensioni e lo stress che si accumulano nella vita quotidiana. A Bologna, nell'estate del 2019, ha aperto i battenti anche la prima Rage Room in Italia dedicata ai bambini.