Una bella iniziativa, "un progetto d'inclusione" – come spiegano gli stessi organizzatori – arriva da Portici, nella provincia di Napoli, dove grazie all'IC Santagata, istituto scolastico della cittadina, i bimbi disabili della scuola materna possono svolgere terapia multisistemica in acqua nella piscina comunale. La terapia multisistemica in acqua utilizza appunto questo elemento come attivatore emozionale e motorio per spingere soggetti affetti da problemi comunicativi e relazionali e superare tali disturbi e ad instaurare rapporti più approfonditi con il prossimo.

"Il progetto è triennale. Nell’anno scolastico che si sta concludendo abbiamo incluso i bimbi della scuola dell’infanzia. A partire dal prossimo anno includeremo anche i ragazzi della scuola primaria e secondaria di primo grado. Il progetto è in collaborazione con l’associazione Tma che ha messo a disposizione i propri specialisti, offrendo ai bambini la possibilità di seguire una terapia multi-sistemica in acqua. Il nostro obiettivo è aumentare il numero delle sedute a partire dal prossimo anno. Per riuscire nell’intento abbiamo bisogno del sostegno del territorio" ha spiegato la professoressa Attanasio dell'IC Santagata.

Sull'iniziativa sono intervenuti anche il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il consigliere comunale Franco Santomartino. "Il progetto dell’Istituto Comprensivo Santagata merita di essere sostenuto. L’inclusione dei bambini diversamente abili rappresenta un obiettivo fondamentale dell’istituzione scolastica. Auspichiamo che anche altri istituti del territorio seguano tale esempio, promuovendo progetti simili che permettano di dare un aiuto concreto ai bambini".