Un uomo di 34 anni, italiano, è stato fermato nella serata di ieri 24 maggio, per il grave ferimento di un 38enne capoverdiano, accoltellato intorno alle 19 in piazza Bellini, nel pieno centro storico di Napoli e in una zona affollata per la movida della domenica pomeriggio. L'uomo è stato rintracciato e bloccato in serata dalla Polizia di Stato e sottoposto a fermo di indiziato di delitto per tentato omicidio; alla base dell'aggressione ci sarebbero dei motivi passionali: il ferimento sarebbe nato da una discussione per una ragazza, pretesto per far sfociare vecchi rancori che da tempo esistevano tra i due.

L'aggressione era avvenuta domenica pomeriggio in piazza Bellini. La vittima, un 38enne originario di Capo Verde, era stato raggiunto da diversi fendenti all'addome, al torace, a un gluteo, a una coscia e a una scapola. Era stato trasportato d'urgenza al Pronto Soccorso dell'ospedale dei Pellegrini, dove era stato sottoposto a una operazione chirurgica; è attualmente ancora ricoverato, per i sanitari le sue condizioni restano critiche.

Il 34enne sottoposto a fermo, G. C., è stato rintracciato poche ore dopo dagli agenti della Squadra Mobile della Questura di Napoli, agli ordini del dirigente Alfredo Fabbrocini. Su disposizione della Procura l'uomo è stato trasferito nella casa circondariale di Poggioreale. Le indagini sono ancora in corso per ricostruire del tutto il movente dell'aggressione. Nelle prime ore era circolata l'ipotesi che ci potesse essere un nesso con il traffico di droga nella zona e la ripresa della movida, ma le indagini hanno escluso questo scenario.