Un vasto incendio è scoppiato nella notte ad Acerra, accanto al termovalorizzatore, nel cosiddetto polo dei rifiuti dove le aziende stoccano i rifiuti speciali provenienti da tutta la provincia di Napoli e da fuori regione. Le fiamme sono divampate intorno all'una del 14 febbraio nell'impianto di stoccaggio di rifiuti ferrosi della Eurometal. I vigili del fuoco sono sul posto da ore per cercare di spegnere l'incendio, che sarebbe comunque sotto controllo. Pochi giorni fa papa Francesco aveva annunciato di voler visitare Acerra, città simbolo della Terra dei Fuochi.

Dal sito di stoccaggio, che si trova in contrada Pagliarone, si è alzata una colonna di fumo nero e denso, l'odore acre ha invaso la zona ed è arrivato anche ad alcune abitazioni poco distanti. Per le operazioni di spegnimento sono arrivati i vigili del fuoco di Napoli e Caserta con un carro schiuma. Le cause dell'incendio non sono state ancora stabilite, nel sito sarebbero stoccati anche vernici e materiali plastici.

Nella notte sono arrivati in contrada Pagliarone anche gli attivisti ambientalisti della zona, tra cui Alessandro Cannavacciuolo, Michele Pannella e Vincenzo Petrella, dei "Volontari antiroghi Acerra", che parlano di scoppi continui che arrivavano dal rogo e della puzza insopportabile che ha invaso la zona; con un drone hanno filmato dall'alto l'incendio, le immagini sono state pubblicate su Facebook poco prima delle 4 e risalgono all'1.30 circa. Nel video si vede l'incendio ancora nel vivo che avvolge una montagna di rifiuti ferrosi, mentre due camion dei vigili del fuoco sono a pochi metri. Il fumo tossico che si alza si dirige verso i fabbricati circostanti.