Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Affittava via internet, tramite un sito di annunci, appartamenti e case per le vacanze nelle più belle località balneari d'Italia che, in realtà, non esistevano. Un ragazzo di 26 anni originario di Melito, nella provincia di Napoli, è stato così denunciato dai carabinieri con l'accusa di truffa. Determinante, per l'individuazione del truffatore partenopeo, la denuncia ai militari dell'Arma da parte di una donna di 55 anni di Montecchio Emilia, nella provincia di Reggio Emilia, vittima del raggiro del 26enne: il truffatore si era fatto consegnare una caparra di 200 euro per il fitto di un appartamento per le vacanze, nei mesi di luglio e agosto, a Cervia, per poi sparire nel nulla.

Quando la donna, dopo aver versato la caparra, non ha ricevuto più notizie dal 26enne, si è rivolta ai carabinieri di Montecchio Emilia che, grazie ad indagini telematiche, sono risaliti alla carta prepagata del truffatore, sulla quale erano state versate svariate caparre analoghe, per un totale di migliaia di euro, pervenendo alla sua identità: sarebbero così decine le persone truffate dal 26enne in tutta Italia. I militari dell'Arma hanno accertato che il 26enne partenopeo si avvaleva della complicità di una donna che, telefonicamente, concludeva le trattative fino al versamento della caparra sulla carta prepagata: la complice del truffatore è ancora in corso di identificazione.