La Polizia all'esterno del Loreto Mare dopo la tragedia. [Foto / Gaia Martignetti]
in foto: La Polizia all’esterno del Loreto Mare dopo la tragedia. [Foto / Gaia Martignetti]

Gli hanno sferrato un fendente a una coscia, per motivi che restano da accertare. Sono ancora confusi i contorni del ferimento avvenuto nella notte tra venerdì e sabato, 14 e 15 giugno, in via Amerigo Vespucci, davanti alla fermata dell'autobus. Un uomo di 59 anni originario della Moldavia e residente a Pagani, in provincia di Salerno, è stato aggredito e colpito alla coscia destra con una coltellata, pare in seguito a una lite. L'episodio è avvenuto intorno alle 5.45, indaga la Polizia di Stato. La vittima, stando a quanto finora ricostruito, era sulla fermata dell'autobus, stava aspettando il mezzo quando si sarebbero avvicinati due sconosciuti; non è chiaro se si sarebbe trattato di un tentativo di rapina o di un litigio nato per altri motivi ma ad un certo punto uno dei due avrebbe tirato fuori un coltello e si sarebbe scagliato sull'uomo, sferrando un fendente alla coscia destra. Subito dopo i due si sarebbero dileguati, senza portare via nulla.

La vittima è stata accompagnata al Pronto Soccorso del vicino Loreto Mare, dove i medici hanno accertato che la lama non aveva causato grossi danni alle arterie ed è stato escluso il pericolo di vita; è stato medicato e per lui è stata stilata una prognosi di venti giorni, ha rifiutato il ricoveroNel corso delle indagini i poliziotti stanno cercando di ricostruire la dinamica del ferimento e risalire ai responsabili; dal 59enne, solo pochi elementi: si tratterebbe di persone sconosciute, con cui non avrebbe mai avuto rapporti. Si cerca di capire se sul posto o nelle vicinanze ci siano delle telecamere di sorveglianza che potrebbero fornire elementi utili per il prosieguo delle indagini.