Un agguato in piena regola è avvenuto nella notte a Lettere, nella provincia di Napoli: Ciro Orazzo, pregiudicato di 54 anni. è caduto sotto numerosi colpi di pistola. La vittima, che due anni fa era sopravvissuta ad un altro agguato organizzato ai suoi danni, era stata da poco scarcerata dopo un lungo periodo di detenzione per detenzione, spaccio e traffico di sostanza stupefacente. Orazzo, soprannominato "piscariello" e originario di Casola di Napoli, è stato ucciso in via Provinciale: il 54enne aveva un notevole curriculum criminale alle spalle, essendo stato coinvolto in tutte le operazioni antidroga effettuate dalla forze dell'ordine nella zona dei Monti Lattari.

Sul posto sono giunti i carabinieri dalla compagnia di Castellammare di Stabia, guidati dal maggiore Donato Pontassuglia, che hanno svolto tutti i rilievi del caso e ora conducono le indagini. Sebbene i militari dell'Arma non tralascino nessuna pista, è molto probabile si sia trattato di un regolamento di conti: la zona dei Monti Lattari è conosciuta infatti come "Giamaica italiana" per l'alto numero di coltivazioni di marijuana, che rappresenta un vero e proprio tesoro nelle dinamiche criminali della zona.