7 Luglio 2020
16:37

Al colloquio nel carcere di Secondigliano con 9 telefonini negli slip, denunciate due donne

Due donne hanno cercato di introdurre 9 micro telefoni nel carcere di Secondigliano nascondendoli nelle mutande; sono state scoperte durante la perquisizione prima del colloquio coi detenuti e sono state entrambe denunciate all’autorità giudiziaria. La denuncia del sindacato OSAPP: “Bisogna schermare gli istituti penitenziari”.
A cura di Nico Falco
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

Quei 9 cellulari, entrati in carcere approfittando del colloquio, sarebbero passati di mano in mano fino ad arrivare con tutta probabilità ai reclusi dell'alta sicurezza, permettendo loro di continuare a gestire traffici e impartire ordini anche da dietro le sbarre. Ma la consegna è stata sventata dagli agenti della Polizia Penitenziaria, che hanno scoperto lo stratagemma, uno dei tanti, che era stato escogitato questa volta: i telefonini erano nascosti nelle mutande di due quarantenni, che si erano presentate al colloquio con la scusa di incontrare un parente detenuto.

La scoperta nel carcere di Secondigliano, a Napoli, dove sono reclusi anche i detenuti dell'Alta Sicurezza, ovvero quelli condannati per reati associativi e camorra. Le due donne sono state fermate intorno alle 12.30 di oggi, 7 luglio, prima dei colloqui, durante i controlli di prassi effettuati dal personale femminile della Polizia Penitenziaria a carico di familiari e congiunti. Le due quarantenni hanno cercato di eludere gli accertamenti ma sono state perquisite e i cellulari sono stati trovati negli slip; sono state entrambe denunciate all'autorità giudiziaria.

"Questi piccoli strumenti tecnologici – dice Vincenzo Palmieri, segretario regionale del sindacato OSAPP – consentono ai detenuti di avere contatti con l’esterno non solo per chiamare, familiari, parenti e congiunti ma anche per commissariare altri reati oltre che di compromettere l'incolumità delle persone, turbare l'ordine e pregiudicare la sicurezza. Per questo l'OSAPP ha chiesto al vice Capo DAP  di schermare tutti gli istituti penitenziari per disabilitare gli strumenti tecnologici introdotti illegalmente. Sollecitiamo nuovamente i vertici politici e dell’Amministrazione Centrale a porre in essere una maggior attenzione anche attraverso il rafforzamento degli strumenti tecnologici per potenziare controlli ai fini della sicurezza e una implementazione dell’attuale pianta organica ridotta in seguito ai tagli della Legge Madia, che di sicuro non è adeguata alla realtà lavorativa di un istituto penitenziario come quello di Secondigliano".

Vietati i funerali pubblici per Cosimo Di Lauro, l'ex boss di Secondigliano morto in carcere
Vietati i funerali pubblici per Cosimo Di Lauro, l'ex boss di Secondigliano morto in carcere
Morto in carcere Cosimo Di Lauro, boss di Secondigliano figlio di Ciruzzo ‘o milionario aveva 49 anni
Morto in carcere Cosimo Di Lauro, boss di Secondigliano figlio di Ciruzzo ‘o milionario aveva 49 anni
2.641 di Videonews
Insulti omofobi e cinghiate dopo il Pride a Napoli, denunciati due giovani
Insulti omofobi e cinghiate dopo il Pride a Napoli, denunciati due giovani
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni