Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

L'assunzione di alcool è sempre più diffusa tra i minorenni, complice spesso anche l'assenza dei dovuti controlli da parte dei gestori delle attività commerciali, che vendono alcolici indiscriminatamente, senza sincerarsi della maggiore età dell'avventore. Lo testimoniano i controlli operati, in questo fine settimana, dagli agenti dell'Unità Operativa Tutela Emergenze Sociali e Minori di Napoli che, nei luoghi della movida, hanno vigilato sul consumo di alcool. Così, al centro storico del capoluogo campano, i gestori di due locali sono stati denunciati e multati per aver somministrato alcool a minorenni.

Nel primo caso, i vigili urbani hanno che, in via Monteoliveto, dove sorge l'omonima fontana, un ragazzino di 15 anni stava consumando alcool, acquistato poco tempo prima in un locale della vicina piazza del Gesù. Il gestore della suddetta attività commerciale è stato dunque denunciato alla Procura della Repubblica di Napoli e multato. Non molto distante, in un locale di via dei Carrozzieri, gli agenti della Municipale hanno sorpreso una ragazzina di 14 anni intenta a bere un superalcolico. Anche in questo caso, il proprietario del locale è stato denunciato alla competente Autorità Giudiziaria e multato. In entrambi i casi, i minorenni sono stati affidati ai genitori, chiamati ad intervenire sul posto e diffidati a vigilare sulla condotta dei figli.