La valigia sospetta ritrovata sotto una panchina nella stazione della circumvesuviana di Piazza Garibaldi. [Foto @EAV]
in foto: La valigia sospetta ritrovata sotto una panchina nella stazione della circumvesuviana di Piazza Garibaldi. [Foto @EAV]

Allarme bomba nella stazione di Piazza Garibaldi della Circumvesuviana: ma si tratta di un falso allarme. A far scattare l'allarme bomba è stato un pacco sospetto che ha portato le forze dell'ordine a chiedere all'Ente Autonomo Volturno l'immediata sospensione della circolazione ferroviaria. Ma dopo pochi minuti, l'allarme si è rivelato infondato. I treni, inizialmente, erano limitati alle stazioni di San Giovanni a Teduccio e Poggioreale. Nel momento di massima attenzione era stato anche interdetto ai passeggeri l'accesso alla stazione di Piazza Garibaldi per permettere agli artificieri di verificare l'allarme: da qui, l'esito che si trattasse di un falso allarme e che nel pacco non vi era alcuna bomba.

L'Ente Autonomo Volturno, che gestisce la Circumvesuviana, aveva già disposto anche un servizio automobilistico sostitutivo che dal terminal di Porta Nolana, dove vi è lo stazionamento dei treni della Circumvesuviana, portasse i passeggeri alle stazioni di San Giovanni a Teduccio e Ponticelli, dalle quali riprendere i propri viaggi in direzione Sorrento, Poggiomarino, Sarno e Baiano. Poi dalle 11.15 della mattinata, ovvero una ventina di minuti circa dopo l'inizio dell'allarme, la situazione è tornata normale. L'Ente Autonomo Volturno ha fatto sapere che "il servizio ferroviario é stato ripristinato su tutte le tratte delle Linee Vesuviane". Poco prima era tornato regolare anche l'accesso a Piazza Garibaldi per passeggeri, cittadini e turisti: il disagio, vista la brevità della situazione d'emergenza, non dovrebbe aver riguardato troppe persone. Nel giro di circa venti-trenta minuti, la situazione appare essere tornata alla normalità.