Annullata una gita scolastica a Milano, prevista per i prossimi giorni, da parte del dirigente scolastico dell'istituto Trani di Salerno. Lo ha comunicato lo stessa preside che, seppur definendo "precauzionale" la propria decisione, ha deciso di annullare la trasferta dei propri allievi nel capoluogo della Lombardia, regione dove nelle ultime ventiquattro ore sono sembrano essere stati riscontrati diversi casi di coronavirus, poi accertati anche nel vicino Veneto. La decisione, riportata dal quotidiano "il Mattino", potrebbe non essere l'unica in queste ore da parte di istituti scolastici della Campania e di tutta Italia.

Nello specifico, la classe interessata dall'annullamento della gita avrebbe dovuto recarsi alla Mostra Internazionale di Ottica, Optometria e Oftalmologia a Milano dal 29 febbraio al 2 marzo prossimi. Partecipazione che dunque è venuta meno con carattere d'urgenza all'indomani dei primi casi riscontrati a Lodi e subito dopo nel Veneto, che ha messo in allerta l'intera popolazione lombarda prima e italiana poi. A far paura, infatti, è quella che viene definita "seconda case del contagio": se inizialmente l'attenzione era tutta riservata per chi provenisse dalla regione della Cina epicentro dell'infezione e per chi viaggiasse verso la Cina, ora la paura sono i casi senza un chiaro collegamento epidemiologico. Si tratta di persone che, pur non avendo messo piede in Cina, sono stati colpiti dal virus e che per questo, nelle ignare fasi di incubazione, si sono spostati normalmente di città in città, frequentando altre persone e vivendo la loro vita di tutti i giorni, "aiutando" il virus a diffondersi.