Non solo Terra dei fuochi, ma anche una terra piena di risorse, di bellezze e di voglia di fare, Succivo, cittadina tra Napoli e Caserta in cui dal 31 maggio al 2 giugno si terrà la IV° edizione del festival di musica e artisti di strada Atella Sound Circus organizzato dalle Associazioni ArtiSticàMente e ArtenovA. Un gruppo di giovani, infatti, ha scelto di creare una tre giorni di arte e musica per "reagire e donare spensieratezza a un territorio ricco di energie positive, arte e cultura" come si legge nella nota stampa che accompagna la notizia di questa tre giorni il cui scopo è "produrre bellezza, arte e felicità per le famiglie e in particolar modo per i bambini".

Musica, giocoleria e attività per i bambini

Si terrà al Casale di Teverolaccio questo festival a ingresso gratuito pensato per accogliere grandi e bambini in cui il pubblico potrà muoversi tra palchi per concerti, spettacoli di strada e show pensato esclusivamente per i più piccoli tra giocoleria, arte circense a cui, come a qualunque festival che si rispetti si aggiungono anche attività didattiche e spazi gastronomici oltre, appunto, a tre giorni di musica per palati più vari, spaziando tra elettronica e folk, passando per cumbia latina e musica balcanica.

Il programma completo dell'Atella Sound Circus

Il 31 maggio, infatti, arriverà a Succivo un nome dalla caratura internazionale: sarà Neil Perch degli Zion Train a dare il via al Festival con un dj-live-set di uno dei nomi che ha fatto la storia del Reggae e del Dub mondiale che sarà aperto dai Wicked Dub Division, progetto nato nel 2014 dall'unione di nomi storici e conosciuti nel panorama dub italiano. Il giorno dopo, l'1 giugno protagonisti saranno i Cacao Mental sono un progetto nato dall’incontro tra il cantante peruviano Kit Ramos e il produttore e polistrumentista milanese Stefano Iascone, progetto che mescola cumbia, musica elettronica e psichedelia, seguiti dalla Babbuzti Orkestar, band che rinnova le sonorità balcaniche. Il 2 giugno, invece, si torna in Campania con le esibizioni degli  ‘O Rom che mescolano varie culture musicali, dalla tradizione della tarantella a gipsy e manouche, sempre con un'idea di base di integrazione razziale e multiculturalità. Assieme a loro ci saranno anche gli Azul, band capitanata da Marilena Vitale delle Fede ‘n' Marlen – che crea un mix di musica gitana, bossanova e il samba brasiliano, gnawa marocchino e desert blues.