Dei ragazzini che cominciano a tirare sassi, un passante che reagisce con un ceffone, poi interviene il padre di uno dei giovanissimi per prendere le difese del figlio e viene colpito con lo spray urticante. E subito è il caos: fuggi fuggi generale, e forze dell'ordine costrette a intervenire in forze.È successo nella serata di ieri, 6 ottobre, a Bagnoli, quartiere dell'area ovest di Napoli. I tre, due 14enni e un 15enne, erano in via Ilioneo, nella parte alta del quartiere. E si stavano divertendo, a loro detta, raccogliendo pietre e lanciandole per strada.

Un passatempo anomalo, ma che negli ultimi tempi sembra essere in voga tra certe giovanissimi, come lamentato da parecchi abitanti del quartiere, che hanno raccontato di sassi che arrivavano all'improvviso anche sulle persone e sulle automobili in transito. I ragazzini sostengono che stavano giocando tra di loro, tirando i sassi verso dei vetri a terra, e di essere stati aggrediti senza motivo. Diversa la versione del passante, un avvocato che abita a Bagnoli, che ha riferito alle forze dell'ordine di essere stato bersagliato con le pietre e per questo di essersela presa coi ragazzi.

L'uomo si è avvicinato ai ragazzini e ha tirato uno schiaffo a uno dei 14enni. I tre hanno cominciato a urlare fin quando non sono arrivati i genitori, che erano poco distante. Il padre di uno di loro, saputo quello che era successo, si è scagliato contro l'avvocato per difendere il figlio preso a schiaffi. A questo punto il legale ha tirato fuori una bomboletta di spray urticante, legalmente detenuta, e gliel'ha spruzzata sul viso.

Intanto, visto il caos che si era scatenato, alcuni residenti hanno chiamato le forze dell'ordine. Sul posto sono arrivate diverse pattuglie del carabinieri, intervenute su segnalazione di una rissa in corso, che hanno identificato le persone coinvolte. Lo spray è stato sequestrato e sono in corso accertamenti sulle due versioni per stabilire le responsabilità. Prima della perquisizione, il legale ha consegnato ai carabinieri un coltellino che aveva in tasca, che non aveva estratto durante la rissa, e che gli è valso una denuncia.