Un uomo di 77 anni è stato arrestato dalla polizia a Barra, quartiere della zona est di Napoli, per atti persecutori e incendio, ai danni della ex compagna. L'uomo è accusato di avere tormentato la donna dopo la fine della loro relazione con continue minacce e di aver appiccato il fuoco alla casa di lei; il 77enne, Giovanni F., che ha precedenti di polizia, era già destinatario del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla vittima, ma i poliziotti lo hanno trovato davanti all'abitazione dove stava divampando l'incendio.

Gli agenti del commissariato San Giovanni – Barra sono intervenuti su segnalazione della sala operativa per un incendio in abitazione sul corso Sirena. Arrivati sul posto, hanno trovato i Vigili del Fuoco che, intervenuti poco prima, erano impegnati a spegnere le fiamme sull'uscio dell'abitazione di una donna del posto. La signora si è avvicinata agli agenti e, molto agitata, ha raccontato l'incubo che stava vivendo: da diverso tempo, ha spiegato, era vittima di comportamenti violenti e molesti da parte dell'ex compagno, un uomo di 77 anni.

Si era già rivolta alle forze dell'ordine, aveva sporto denuncia e aveva ottenuto che fosse emesso provvedimento che gli impedisse di avvicinarsi a lei e ai luoghi che solitamente frequentava. Malgrado il dispositivo, l'uomo non si era arreso e aveva continuato a minacciarla e, in quella ultima occasione, si era di nuovo presentato davanti alla casa e aveva appiccato il fuoco. I poliziotti hanno accertato che, anche durante le operazioni di spegnimento, il 77enne era vicino all'abitazione e non si era allontanato nemmeno al loro arrivo; lo hanno bloccato e arrestato per atti persecutori e incendio.