Foto di repertorio
in foto: Foto di repertorio

Un bambino di tre anni avrebbe bevuto un'intera boccetta di metadone mentre era in viaggio a bordo di un'automobile insieme alla mamma e al papà. Il piccolo è ricoverato all'ospedale di Battipaglia, Salerno, in prognosi riservata, ma non sarebbe in pericolo di vita. Il fatto si è verificato la notte scorsa, quando la famiglia stava rientrando a casa, in Calabria. Stando a quanto ricostruito dalle forze dell'ordine, il bambino avrebbe afferrato la bottiglietta e avrebbe ingerito la droga. I genitori hanno subito allertato i soccorsi, anche perché il figlio, poco dopo aver bevuto l'intero contenuto della boccetta, aveva perso i sensi. Soccorso dal personale sanitario del 118, è stato trasportato d'urgenza all'ospedale di Eboli e, in seguito, all'ospedale di Battipaglia. Là, come detto, è stato ricoverato nel reparto di Rianimazione. Stando a quanto si apprende, la sua prognosi sarebbe ancora riservata, ma non sarebbe in pericolo di vita e starebbe reagendo bene alle terapie.

Denunciati i genitori per omessa vigilanza

Sulla vicenda stanno indagando i carabinieri della compagnia di Battipaglia agli ordini del maggiore Vitantonio Sisto. I militari hanno informato la procura e hanno denunciato a piede libero i genitori del piccolo per omessa vigilanza. Solo per omessa vigilanza, perché a quanto sembra il padre del bimbo era autorizzato a detenere il metadone perché in cura al Sert. Per loro non verranno chieste misure cautelari. La madre e il padre del piccolo sono originari di Reggio Calabria.