474 CONDIVISIONI
Opinioni
Bimbo ucciso di botte a Cardito (Napoli)
16 Ottobre 2019
22:59

Giuseppe ucciso a Cardito, la scena del delitto: “Era pieno di lividi, a torso nudo, sul divano”

Il corpo di Giuseppe, il piccolo ucciso di botte a Cardito, ritrovato sul divano, esanime e pieno di lividi. Nella seconda udienza del processo contro il patrigno e la madre naturale, ricostruita la scena del delitto e sentita la sorella di Tony Essobti Badre, accusato di omicidio ma anche di tentato omicidio nei confronti dell’altra figlia della donna e per maltrattamenti.
A cura di Giuseppe Cozzolino
474 CONDIVISIONI

Una scena agghiacciante quella descritta dagli agenti di polizia intervenuti a Cardito lo scorso 27 gennaio, quando il piccolo Giuseppe Dorice venne ucciso di botte nella sua abitazione e per il cui omicidio sono attualmente sotto processo Tony Essobti Badre, patrigno del piccolo, e la madre naturale Valentina Casa. Il primo è accusato di omicidio, ma anche del tentato omicidio della sorellina e maltrattamenti; la seconda, di comportamento omissivo. Il processo, iniziato lo scorso 30 settembre, ha visto oggi andare in scena la seconda udienza, davanti alla Terza Corte d'Assise del Tribunale di Napoli presieduta da Lucia La Posta, giudice a latere Giuseppe Sassone.

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Bimbo ucciso di botte a Cardito (Napoli)

A deporre, oggi, sono stati chiamati non soltanto i poliziotti intervenuti quella sera a Cardito, ma anche la sorella di Tony Essobti Badre, che fu la prima ad entrare in quella casa subito dopo gli agenti, per portare via la piccola sorellina di Giuseppe. Anche il poliziotto che materialmente arrestò Badre ha oggi testimoniato al processo: riconobbe l'uomo mentre stava rincasando, dopo che la Casa gli aveva mostrato una foto dopo che le aveva chiesto chi fosse il responsabile della vicenda. Sentiti poi anche i poliziotti che si occuparono dei rilievi scientifici. Particolarmente agghiacciante la scena del corpo del piccolo Giuseppe, appoggiato sul divano a torso nudo, privo di vita e pieno di lividi. Oltre ai racconti di oggi in tribunale, anche i reperti raccolti: il bastone della scopa che si ritiene possa essere l'arma del delitto, gli asciugami sporchi di sangue ritrovati in bagno, le tracce ematiche ritrovate in casa, oltre ai lividi che aveva sul corpo il piccolo Giuseppe e le immagini della sorellina, anch'essa vittima di maltrattamenti. La prossima udienza del processo è prevista per il 30 ottobre, quando saranno ascoltati, oltre ad altri agenti di polizia, anche i vicini di casa della famiglia.

474 CONDIVISIONI
Bimbo ucciso di botte a Cardito dal patrigno, l'avvocato: "Incapace di intendere per la droga"
Bimbo ucciso di botte a Cardito dal patrigno, l'avvocato: "Incapace di intendere per la droga"
Bimbo ucciso di botte a Cardito, le associazioni dei minori: "Grave l'assoluzione della madre"
Bimbo ucciso di botte a Cardito, le associazioni dei minori: "Grave l'assoluzione della madre"
Bimbo ucciso di botte a Cardito: la madre resta in carcere, respinta la richiesta scarcerazione
Bimbo ucciso di botte a Cardito: la madre resta in carcere, respinta la richiesta scarcerazione
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni