Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Un maxi blitz dell'Esercito Italiano e delle forze dell'ordine è andato in scena questa mattina tra le province di Napoli e Caserta, nella zona tristemente conosciuta come Terra dei Fuochi. Le operazioni hanno portato al sequestro di 13 attività commerciali, aziende e officine, che non rispettavano i vincoli ambientali in materia di inquinamento: nel corso delle operazioni, 15 persone sono state denunciate alla competente Autorità Giudiziaria. Imponente il dispiegamento di forze: in campo sono scese 190 unità tra i militari del Raggruppamento Campania dell'Esercito Italiano – che hanno utilizzato anche i droni – i carabinieri e gli agenti della Polizia di Stato. Nella provincia di Napoli, i controlli sono stati effettuati ad Acerra, Afragola, Arzano, Casandrino, Casavatore, Giugliano in Campania, Marano di Napoli, Nola, Quarto, Terzigno, Villaricca; per quanto riguarda la provincia di Caserta, i controlli sono scattati ad Aversa e a San Cipriano d'Aversa.

Nella fattispecie, ad Acerra è stata posta sotto sequestro un'azienda specializzata nella miscelazione di prodotti per la cosmesi che stoccava illecitamente materiale pericoloso e scarti di lavorazione. Ad Aversa, invece, è stata sequestrata un'azienda di prodotti sanitari che aveva adibito abusivamente un'area di 120 metri quadri a deposito di materiale pericoloso. Inoltre, un'azienda di materiali biomassa è stata sequestrata per emissione non controllata di vapori e gas pericolosi per la salute pubblica e per l'ambiente, nonché per abbandono e deposito incontrollato di rifiuti sul suolo.