Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

È in gravissime condizioni, ricoverato in ospedale e in coma farmacologico, un uomo di 74 anni di Boscoreale, in provincia di Napoli, ferito a colpi d'arma da fuoco al volto e all'addome nella serata di ieri, 16 novembre. A sparargli sarebbe stato il figlio, di 47 anni, successivamente rintracciato dai carabinieri e arrestato con l'accusa di tentato omicidio. Il ferimento è avvenuto nella casa dell'anziano. I carabinieri della Sezione Operativa di Torre Annunziata e quelli della stazione di Boscoreale sono intervenuti ieri sera nell'ospedale di Sarno, in provincia di Salerno, in seguito alla segnalazione dei medici: era appena arrivato al pronto soccorso un uomo ferito da proiettili.

All'arrivo dei militari la vittima era ancora cosciente. È stato il 74enne a raccontare quello che sarebbe successo poco prima, intorno alle 20.30, in casa sua: ha spiegato ai carabinieri di essere stato aggredito dal figlio durante una discussione e che questi, al culmine del litigio, avrebbe tirato fuori una pistola e gli avrebbe sparato i due colpi, mirando alla pancia e alla faccia. Il 74enne, trasferito all'ospedale di Caserta, resta in condizioni molto gravi; la ferita più grave sarebbe quella all'addome. I suoi parametri di vita vengono monitorati costantemente dai medici, che per ora non hanno escluso il pericolo di vita.

Il presunto responsabile, Gaetano Criscuolo, 47 anni, di Poggiomarino, con precedenti di polizia, è stato rintracciato dai carabinieri e arrestato per tentato omicidio; dopo le formalità di rito l'uomo è stato rinchiuso in carcere. Ancora non è chiaro il movente, su cui sono in corso indagini.