[Immagine di repertorio]
in foto: [Immagine di repertorio]

Entra nell'abitazione di un anziano perché vuole la restituzione di 65 euro, un presunto debito che avrebbe contratto il figlio di quest'ultimo ma, nel frattempo, deceduto senza averlo saldato. Dopo essere riuscito ad entrare nell'appartamento minacciandolo, è arrivato l'intervento dei carabinieri che hanno arrestato l'uomo e lo hanno portato nel carcere di Poggioreale in attesa di giudizio. La vicenda è accaduta a Caivano, nell'hinterland napoletano: l'uomo arrestato deve ora rispondere dalle accuse di tentata estorsione e violazione di domicilio.

A finire in manette è stato G.R., un 56enne di origini casertane risultato essere anche già noto alle forze dell'ordine. L'uomo secondo quanto ricostruito dai carabinieri è entrato in casa di un 70enne senza alcuna autorizzazione, iniziando a minacciarlo sostenendo che il figlio dell'anziano avesse contratto un debito con lui di 65 euro: debito mai saldato per la prematura scomparsa del figlio del 70enne, e che ora avrebbe dovuto saldare lui stesso. Nonostante le minacce e la violazione del domicilio, l'anziano non si è fatto intimorire, riuscendo a scacciarlo dalla propria abitazione e chiamando contestualmente i carabinieri. Quando sono giunti sul posto, i militari dell'Arma hanno trovato il 56enne ancora sul pianerottolo: solo a quel punto, con l'arrivo dei carabinieri, l'uomo ha riaperto la porta, spiegando loro cosa stesse accadendo. Dopo le formalità di rito, il 56enne è stato portato nel carcere di Poggioreale di Napoli, in attesa di giudizio.