La guerra alla camorra è ormai senza quartiere: due gli arresti eseguiti quest'oggi dai carabinieri del nucleo investigativo del reparto operativo di Napoli ed eseguiti addirittura a Londra, nei confronti di altrettante persone ritenute essere affiliati al clan camorristico dei Sequino. I due arrestati, S.C. di ventisei anni e G.E. di 36 anni, sono entrambi del Rione Sanità di Napoli.

L'arresto da parte dei carabinieri, eseguito con il supporto della Quinta Divisione Si.Re.Ne del servizio cooperazione internazionale di polizia, ha dunque permesso alle forze dell'ordine partenopee di mettere le mani su due soggetti sui quali pendono accuse pesantissime, come si evince dall'ordinanza di custodia cautelare in carcere per associazione di tipo mafioso, associazione finalizzata al traffico e spaccio di stupefacenti con l'aggravante della finalità mafiosa, minaccia e ricettazione dalla quale sono stati raggiunti quest'oggi. I due napoletani, catturati sul territorio inglese, si trovano ora in un locale istituto penitenziario, in attesa dell'estradizione in Italia. I due arresti rientrano nell'ambito delle operazioni degli ultimi giorni, quando a finire in manette sono stati circa trenta persone del Rione Sanità, tutte ritenute affiliate al clan dei Sequino.