850 CONDIVISIONI
9 Giugno 2020
15:51

Camorra e politica, arrestati i Cesaro: il voto di scambio documentato in un video di Fanpage.it

La video inchiesta di Fanpage.it sul voto di scambio alle elezioni comunali di Sant’Antimo del 2017 decisiva per gli inquirenti per dimostrare il condizionamento del voto da parte dei clan camorristici. Nelle immagini Vincenzo Di Lorenzo, fratello di Francesco candidato al consiglio comunale e recordman di preferenze, consegnava ad un elettore un telefonino con cui fotografare il voto a Forza Italia.
A cura di Antonio Musella
850 CONDIVISIONI

C'è anche un video di Fanpage.it nell'inchiesta della Procura della Repubblica di Napoli che ha portato all'arresto di 59 persone, eseguite dal Ros dei Carabinieri, sui rapporti tra camorra e politica a Sant'Antimo in provincia di Napoli. Tra gli arrestati Antimo, Raffaele e Aniello Cesaro, imprenditori e fratelli del deputato di Forza Italia Luigi Cesaro, che risulta indagato. Durante le elezioni amministrative per il rinnovo del consiglio comunale di Sant'Antimo nel 2017, Fanpage.it documentò il voto di scambio nei pressi dei seggi elettorali.

In particolare nel video si mostrava un uomo che avvicinava un elettore consegnandogli un telefonino con cui fotografare il voto per Forza Italia. Il fatto avvenne all'esterno dei seggi del popoloso rione 167 di Sant'Antimo il 14 giugno 2017. Pochi giorni dopo la messa online del video, il Ros dei Carabinieri acquisì il video riuscendo poi a identificare gli autori dell'episodio del voto di scambio. In particolar modo gli inquirenti, anche grazie alle intercettazioni telefoniche sono risaliti a Vincenzo Di Lorenzo, fratello di Francesco Di Lorenzo candidato in quella tornata elettorale e che sarebbe il regista dell'operazione di voto di scambio secondo gli inquirenti, entrambi finiti nel mirino dei giudici.Vincenzo Di Lorenzo è l'uomo che consegnò il telefonino con cui fotografare il voto all'elettore all'esterno dei seggi.

A confermare la circostanza un'intercettazione telefonica del giorno successivo all'uscita del servizio di Fanpage.it tra Francesco Di Lorenzo e un altro uomo. Nella telefonata Francesco Di Lorenzo si lamentava del fatto che il fratello si fosse fatto riprendere all'esterno del seggio elettorale mentre acquistava voti per suo conto. "Quello scemo di mio fratello ha fatto un altro guaio – dice Di Lorenzo al telefono – si è fatto filmare…reportage…i soldi…la fotografia, scatta così", si legge nelle intercettazioni dei Carabinieri.  Unendo il contenuto del video con quello delle intercettazioni è stato più semplice per gli inquirenti ipotizzare che Francesco Di Lorenzo avesse svolto un ruolo chiave nelle operazioni di condizionamento del voto nelle elezioni comunali di Sant'Antimo del 2017. Di Lorenzo infatti era candidato al consiglio comunale con Forza Italia e risultò essere il più votato in assoluto con oltre 1200 preferenze. La circostanza, confermata anche da numerosi elementi acquisiti dai magistrati, delineerebbe il ruolo dei clan camorristici del territorio, in particolar modo dei clan Puca, Verde e Ranucci, nell'influenzare la vita politica cittadina per trarre vantaggio nella gestione degli appalti per la realizzazione di opere pubbliche. Secondo i magistrati i clan avrebbero condizionato le elezioni comunali di Sant'Antimo del 2007, del 2012 e del 2017.

850 CONDIVISIONI
Camorra, affiliato alla 167 di Arzano sfugge ai carabinieri: arrestato in spiaggia a Vietri dopo un mese
Camorra, affiliato alla 167 di Arzano sfugge ai carabinieri: arrestato in spiaggia a Vietri dopo un mese
Adunata alpini, il sottosegretario Mulè: "Molestie sono porcherie, ma il corpo è immune dal sessismo"
Adunata alpini, il sottosegretario Mulè: "Molestie sono porcherie, ma il corpo è immune dal sessismo"
291.333 di Marco Billeci
"Camorra immobiliare" a Napoli, interviene il sindaco Manfredi: "Serve intervento interforze ed un nuovo piano casa"
"Camorra immobiliare" a Napoli, interviene il sindaco Manfredi: "Serve intervento interforze ed un nuovo piano casa"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni