174 CONDIVISIONI
Covid 19
21 Aprile 2020
10:33

‘Vendo cannabis legale, col Covid-19 sono finito come gli spacciatori’

Coronavirus, parla il titolare di un Grow shop che vende cannabis legale e atrezzature per la coltivazione di piante indoor: “Molti clienti continuano ad aver bisogno di marijuana e mi chiedono di rifornirli. Per qualcuno l’ho fatto e mi sono sentito braccato come uno spacciatore di cocaina. Perché noi no e i tabaccai si?”
A cura di Ciro Pellegrino
174 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

"Però, per piacere, non mettere il nome altrimenti veramente sfogano ncuollo a me. Hai visto? Devo rilasciare una intervista senza nome, come i delinquenti, gli spacciatori…" C. ha poco più di 40 anni, non è napoletano, ha un grow shop a Napoli, cioè vende marijuana e cannabis legale, quella senza Thc, tetraidrocannabinolo, vietato dalla legge ma con alto contenuto di Cbd, il cannabidiolo ‘legale' (in realtà è legale venderlo) giudicato rilassante.

Perché dici che siete finiti come gli spacciatori?

Ho scelto di aprire un negozio di cannabis legale, alla luce del sole, vendo cannabis, infiorescenze e attrezzature  per la coltivazione di piante indoor. Oggi col blocco Coronavirus non posso più vender niente.

Beh, sei come tanti nella tua situazione. Ma che significa quindi ‘finito come gli spacciatori' ?

Anzitutto: l'erba è un prodotto organico, tende al deterioramento, se non correttamente conservata si secca, perde in fragranza e sapore. E poi molti clienti mi chiedono di rifornirli ugualmente ‘fuori mano'. Lo confesso: per qualcuno l'ho fatto. Di nascosto, come appunto fanno i pusher che vendono cocaina. Una mortificazione e una paura di essere beccato e passare un guaio.

Certo ma resta il fatto che è illegale commerciare non diversamente previsto dal decreto

Ovviamente e ne sono consapevole. Mi incuriosisce però una cosa: perché i tabaccai possono vendere sigarette, perché le enoteche possono vendere vino e liquori? Io vendo un prodotto che viene usato per rilassarsi e viene utilizzato anche da persone ammalate.

Per queste ultime però ci sono altri canali, quelli farmacologici…

Sicuramente. Ma sai quanta gente presa dall'ansia del Coronavirus, della malattia, della morte, è andata in panico? Un pomeriggio mi chiama un cliente, un amico, ‘ti prego fammi rilassare un po' perché sto chiuso in casa tra quarantena e malattia non ce la faccio più'. Che si può fare? Non ho capito, se prendono uno psicofarmaco è meglio?

Gli psicofarmaci vengono assunti sotto prescrizione medica, l'erba in questo caso si vende al dettaglio.

Ma se posso evitare che qualcuno si bombardi di farmaci per l'ansia non è meglio? C'è gente che non riesce a dormire, c'è gente che non riesce a stare più a casa, non sopporta più niente. Uno svago serale, due boccate a una canna…

…che fa male, come le sigarette.
Certamente. Ma sai quante cose fanno male?

Ma il futuro della tua attività come lo vedi?
Secondo me appena riapro ho la fila di clienti. E poi molta gente ha deciso di farsi una piantina a casa…spero sia prima o poi definitivamente legale.

174 CONDIVISIONI
29590 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni