Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Si sarebbero verificati dei ritardi nell'arrivo dei soccorsi, nella fattispecie di una eliambulanza: una donna di 50 anni è così deceduta all'ospedale Loreto Mare di Napoli. La donna si è sentita male ad Anacapri, sull'isola di Capri: soccorsa dai sanitari del 118, è stata trasportata all'ospedale Capilupi. Nel nosocomio dell'isola azzurra, vista la grave crisi respiratoria da cui è stata colpita la 50enne, si è deciso per il trasferimento sulla terraferma. Dal 118 sarebbe arrivata comunicazione negativa, dal momento che l'elicottero non poteva atterrare a Damecuta, sull'isola di Capri, per l'inadeguatezza dell'impianto di illuminazione dell'eliporto. È stato richiesto così l'intervento di un elicottero militare, poi dal 118 è arrivata comunicazione che invece le luci dell'eliporto erano funzionanti e che l'elimabulanza poteva atterrare. La 50enne è stata così trasferita, circa due ore dopo il primo ricovero, al Loreto Mare di Napoli, dove però è deceduta qualche ora più tardi.

Anche il consigliere regionale dei Verdi e membro della commissione sanità, Francesco Emilio Borrelli, si è espresso sulla vicenda: "Una donna di Anacapri sarebbe deceduta in seguito ad un malore causato da una grave crisi respiratoria. Le condizioni erano tali da dover essere trasportata d’urgenza a Napoli per il ricovero ma i soccorsi hanno tardato ad arrivare per problematiche tecniche: mancanza di un’idroambulanza, mancanza di personale medico nell’elicottero che avrebbe potuto trasportare la donna. Si riesce infine a trovare un elicottero per il trasporto. La donna è morta a Napoli dopo alcune ore. Farò partire un’interrogazione per capire quali sono stati gli avvenimenti precisi che hanno portato al decesso e della donna e se ci sono delle responsabilità precise da parte del personale dell'Asl. Se così fosse, se la donna si fosse salvata senza il ritardo dei soccorsi sarebbe allora un fatto gravissimo”.