1.054 CONDIVISIONI
8 Aprile 2020
19:31

Carabinieri consegnano le pensioni a casa, il generale La Gala: ‘Sempre vicini alla gente’

Questa mattina i carabinieri hanno consegnato ad una 78enne di Procida (Napoli) la prima pensione. Il servizio, gratuito, nasce da un accordo tra l’Arma e Poste Italiane per prevenire la diffusione del coronavirus: i pensionati che non hanno possibilità di delegare familiari o vicini potranno chiamare il numero verde di Poste 800 55 66 70 o la più vicina stazione dei Carabinieri.
A cura di Nico Falco
1.054 CONDIVISIONI

Gli anziani con più di 75 anni potranno richiedere, gratuitamente, che la pensione venga loro consegnata a casa: ci penseranno i carabinieri, in base a un accordo sottoscritto tra l'Arma dei Carabinieri e Poste Italiane. L'iniziativa, nelle misure per contrastare la diffusione del coronavirus, tutela su due aspetti: da un lato su quello della diffusione del contagio, dall'altro impedisce che anziani che vanno da soli a ritirare la pensione possano venire presi di mira da criminali che potrebbero approfittare delle strade deserte per mettere a segno raid ai danni dei più deboli. Questa mattina i militari hanno consegnato la prima pensione ad una 78enne di Procida: se ne è occupato il comandante della stazione locale, che ha ritirato la somma nell'ufficio postale; lo stesso hanno fatto i comandanti di stazione di Capodimonte e Gragnano con un 90enne e un 88enne che non avevano nessuno che potesse ritirarla al posto loro.

"L'iniziativa – spiega il generale di Brigata Canio Giuseppe La Gala, Comandante Provinciale dei Carabinieri di Napoli – nasce per evitare assembramenti davanti alle poste e anche per salvaguardare persone sole ed anziane da truffe, rapine e scippi. Con orgoglio di Comandante Provinciale ho apprezzato le molte iniziative di solidarietà che, d'iniziativa, di tanti carabinieri sono state poste in essere; ci sono carabinieri che hanno portato medicine a casa di ammalati o chi ha portato viveri a famiglie bisognose. Ci sono stati anche alcuni casi particolari come ad esempio l’esigenza segnalata da alcuni dirigenti scolastici di far consegnare dei tablet agli studenti; e i carabinieri sono andati presso le scuole, hanno ritirato i tablet e li hanno consegnati a casa di studenti per poter consentire il prosieguo delle lezioni in video collegamento, rispettando il distacco sociale imposto dalla normativa anticontagio.

A Ercolano, poi, alcuni bambini, dai balconi, hanno richiamato l’attenzione di una pattuglia dei carabinieri; i carabinieri, commossi dall'affetto con cui si sono rivolti e visto che avevano dichiarato che si stavano annoiando, hanno deciso di comprare alcuni giochi che hanno regalato proprio questa mattina nella loro abitazione. Questi sono gesti molto belli che dimostrano come quello del carabiniere non è una semplice professione, ma una missione: essere al servizio dei cittadini con passione ed immedesimazione per essere sempre vicini alle loro esigenze".

Il servizio di consegna a domicilio della pensione è completamente gratuito e può essere richiesto da chiunque non abbia già delegato altre persone al ritiro, che non abbia un libretto o conto postale e che non possa incaricare familiari che abitano nelle vicinanze della propria abitazione. I pensionati potranno contattare il numero verde 800 55 66 70 messo a disposizione da Poste o chiamare la più vicina Stazione dei Carabinieri per richiedere maggiori informazioni.

1.054 CONDIVISIONI
Roma, il comandante generale Teo Luzi visita il Comando Legione Carabinieri Lazio
Roma, il comandante generale Teo Luzi visita il Comando Legione Carabinieri Lazio
Rissa tra vicini da casa, in 4 spaccano la faccia ad una donna con pietre e bottiglie
Rissa tra vicini da casa, in 4 spaccano la faccia ad una donna con pietre e bottiglie
La "nonna batterista" che combatte da sempre i pregiudizi della gente: "Sono nata per fare questo"
La "nonna batterista" che combatte da sempre i pregiudizi della gente: "Sono nata per fare questo"
63 di Cose Vere
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni