I carabinieri della sezione Radiomobile di Casoria hanno arrestato il 44enne di Caivano Mario F. e denunciato un 40enne di Afragola che era con lui; sono entrambi accusati di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni: sorpresi su un'automobile rubata, per sottrarsi alle manette sono scappati contromano, dando il via a un pericoloso inseguimento che si è concluso solo quando i due si sono schiantati contro un palo della luce. La vettura è risultata rubata a Frattamaggiore un paio di giorni prima.

L'episodio è avvenuto nella notte del 14 febbraio a Cardito, in provincia di Napoli. I militari stavano pattugliando il territorio quando, in via Pietro Donadio, si sono visti arrivare dal senso opposto di marcia un'automobile che procedeva ad alta velocità. I carabinieri hanno fatto inversione e hanno inseguito la vettura e intimato l'alt, ma il conducente ha accelerato e ha cercato di fuggire. È nato un folle inseguimento lungo le vie cittadine: la gazzella ha tallonato l'automobile lungo il corso principale e nei vicoli adiacenti, inseguendola anche contromano, fino a quando il 44enne, che era alla guida, ha perso il controllo ed è finito contro un palo della luce.

I due non si sono arresi: con l'automobile ormai inutilizzabile, e usciti indenni dallo schianto, si sono precipitati fuori dall'abitacolo e hanno tentato di scappare ancora, a piedi. I militari li hanno inseguiti e sono riusciti a bloccarli. Dai successivi controlli è emerso che l'automobile era stata rubata il 12 febbraio a Frattamaggiore, che dista pochi chilometri da Cardito. Dopo il processo, il 44enne è stato sottoposto agli arresti domiciliari.