Emanuele Reali, 34 anni, il vice–brigadiere investito da un treno a Caserta mentre inseguiva un ladro. [Foto da Facebook, Pagina ufficiale @Carabinieri]
in foto: Emanuele Reali, 34 anni, il vice–brigadiere investito da un treno a Caserta mentre inseguiva un ladro. [Foto da Facebook, Pagina ufficiale @Carabinieri]

Commozione e rabbia hanno animato oggi i funerali di Emanuele Reali, il vice-brigadiere dei carabinieri di 34 anni deceduto martedì 6 novembre investito da un treno a Caserta, mentre inseguiva un ladro in fuga. I funerali si sono svolti oggi, venerdì 9 novembre, nella chiesa di Piana di Monte Verna, sempre nel Casertano, cittadina di appartenenza del militare dell'Arma. Oltre a famigliari e amici, tantissimi sono stati i concittadini di Emanuele Reali a volergli tributare l'ultimo saluto, così come tanti sono stati i rappresentanti delle istituzioni che vi hanno preso parte: dal Ministro della Difesa Elisabetta Trenta, al comandante generale dell'Arma dei carabinieri Giovanni Nistri, fino al presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca.

La morte di Emanuele Reali

Il vice-brigadiere dei carabinieri Emanuele Reali, in servizio presso il Nucleo Operativo e Radiomobile della compagnia di Caserta, come detto, ha trovato la morte la sera dello scorso 6 novembre. Stando a quanto ricostruito delle forze dell'ordine, il vice-brigadiere, in borghese, stava inseguendo un malvivente quando ha scavalcato un muro della stazione, in via Ferrarecce, nel centro di Caserta, e non si è accorto del treno in transito: il militare dell'Arma è stato travolto dal convoglio ferroviario ed è deceduto sul colpo.