Ha accoltellato ripetutamente un carabiniere a tal punto da spezzare la lama dell'arma: un uomo di 43 anni è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni aggravate. La vicenda ieri a Casoria, nella provincia di Napoli: al 112 giunge la segnalazione di un litigio, un uomo e una donna che urlano, in un appartamento di via Diaz. Sul posto intervengono i carabinieri della locale Sezione Radiomobile, che trovano sul portone d'ingresso dell'edificio in questione una donna di 72 anni visibilmente scossa; ai militari dell'Arma, l'anziana riferisce di aver litigato con il figlio, ma che adesso è tutto risolto, che la lite si è placata e il loro intervento non è più necessario.

Nonostante le rassicurazioni della 72enne, i carabinieri decidono ugualmente di accompagnare la donna fino all'appartamento, per verificare se effettivamente la situazione si fosse placata: giunti sull'uscio, la porta dell'appartamento si spalanca e il figlio dell'anziana si avventa sul carabiniere più vicino, colpendolo ripetutamente con un coltello alla testa, così violentemente da spezzare la lama; il carabinieri, nonostante le ferite, riesce a disarmare l'aggressore con l'aiuto di un collega. Il militare dell'Arma, poi, è stato soccorso dal 118 e trasportato all'ospedale San Giovanni di Dio di Frattamaggiore, dove è ricoverato in gravi condizioni ma non in pericolo di vita: ha riportato ferite giudicate guaribili in 18 giorni. Il 43enne, Norberto Esposito, già noto alle forze dell'ordine, è stato invece arrestato con le accuse di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni aggravate e portato in carcere.