Hanno preso il via i lavori di abbattimento di sei villette abusive che sorgono sulla spiaggia del litorale di Castel Volturno, nella provincia di Caserta. Per decenni, le costruzioni abusive hanno deturpato uno dei litorali più belli del nostro Paese, come lo ha definito il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, che ha presenziato ai lavori di demolizione. "Con l'avvio della demolizione di queste villette abusive, qui sulla spiaggia di Bagnara a Castel Volturno, poniamo fine a qualcosa di sconvolgente, uno scempio durato decenni che ha distrutto una dei litorali più belli e dalle maggiori potenzialità. Questi abusi, realizzati su aree demaniali, non verranno mai sanati" ha detto il governatore campano.

L'intervento di demolizione delle costruzioni abusive è stato finanziato dalla Regione Campania per 700mila euro: rientra nel protocollo d'intesa per la riqualificazione della zona siglato nel 2018 dal sindaco di Castel Volturno Dimitri Russo, dal governatore De Luca e dall'allora ministro dell'Interno Marco Minniti, per un valore complessivo di 22 milioni di euro. "Faremo del litorale domizio un posto simile a quello romagnolo. Ci rivolgeremo agli imprenditori, devono capire che Castel Volturno e tutto il litorale Domizio hanno potenzialità di sviluppo enormi" ha detto ancora De Luca. Quello che viene comunemente indicato come litorale domizio comprende la porzione di costa campana – 42 chilometri circa – che parte dalla foce del fiume Garigliano, al confine con il Lazio e, passando per il Casertano, arriva sino al litorale flegreo e a Napoli.