[Immagine di repertorio]
in foto: [Immagine di repertorio]

Due persone sono rimaste ferite nel pomeriggio di oggi, lunedì 21 ottobre, nel corso di una sparatoria che si è verificata al pronto soccorso dell'ospedale Santa Maria dell’Olmo di Cava dei Tirreni, in provincia di Salerno. I feriti sarebbero stati raggiunti da colpi d'arma da fuoco al culmine di una lite scoppiata, a quanto pare, per un mancato ricovero. Sull'episodio sono ancora in corso le indagini, affidate a carabinieri e poliziotti. Stando a quanto emerso finora sembra che la sparatoria sia stata l'ultimo atto di una lite che aveva già portato a una colluttazione tra alcune persone, tra cui il figlio di un paziente e un medico di turno che lo aveva invitato ad uscire dalla sala d'attesa. Il parente del paziente a quel punto aveva aggredito il dottore, ma all'esterno dall'ospedale sarebbe stato raggiunto dal padre del medico di turno che avrebbe estratto l'arma e gli avrebbe sparato alle gambe. L'aggressore è stato però raggiunto dal figlio del ferito, che con la stessa arma gli avrebbe sparato a sua volta. Entrambe le persone raggiunte dai colpi d'arma da fuoco sono state sottoposte a intervento chirurgico.

L'ospedale: Avviata indagine interna

Sull'episodio la direzione dell’Azienda ospedaliera universitaria San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno, alla quale fa capo l'ospedale Santa Maria dell’Olmo di Cava de’ Tirreni, ha inviato una nota precisando di aver già disposto un'indagine interna: "In riferimento all’episodio occorso nel pomeriggio di oggi presso il Presidio Ospedaliero Santa Maria dell’Olmo di Cava de’ Tirreni, l’Aou San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno attende l’esito delle indagini in corso da parte dell’Autorità Giudiziaria, precisando che la Direzione Commissariale ha prontamente attivato il servizio ispettivo aziendale".