Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Ha chiesto il pizzo a un agricoltore e poi, evidentemente dopo il diniego di questi, ha cercato di colpirlo con un machete: un uomo algerino di 38 anni, irregolare sul territorio italiano, è stato arrestato dagli agenti della Polizia di Stato con le accuse di tentato omicidio, estorsione, resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento. Stando a quanto si apprende, il 38enne si è recato in un terreno agricolo di via Santa Maria a Cubito, nella provincia a Nord di Napoli, per estorcere denaro al proprietario.

Sul posto, dopo aver ricevuto la segnalazione di un incendio, sono arrivati i vigili del fuoco e gli agenti del commissariato Giugliano-Villaricca della Polizia di Stato. I poliziotti hanno avvicinato il proprietario del terreno agricolo per chiedergli spiegazioni in merito all'incendio quando il 38enne algerino, che precedentemente gli aveva chiesto denaro, ha cercato di colpirlo con un machete dalla lama lunga 30 centimetri. Gli agenti, con non poca difficoltà, sono riusciti a disarmare l'uomo, sequestrandogli l'arma bianca. Dalle indagini che sono scattare dopo la vicenda, i poliziotti hanno potuto accertare che, già nei giorni precedenti, il 38enne aveva avvicinato il proprietario del terreno agricolo per estorcergli denaro: probabilmente dopo aver ricevuto l'ennesimo rifiuto, ha cercato di aggredirlo con il machete.