Scritte razziste e intimidatorie sui muri di un locale giapponese in procinto di aprire al Vomero. Si tratta del Giappo SushiBar, già presente nel quartiere di Chiaia e che sta per inaugurarsi anche nel quartiere collinare, nella centralissima piazza Fuga. A scoprire le scritte è stato il titolare, Enrico Schettino, che questa mattina si è recato al locale.  "Insulti razzisti, bestemmie, inni alla droga ed ai roghi. Ci siamo risvegliati così: decine di scritte rivestono il nuovo locale che apriremo al Vomero a Napoli", ha spiegato lo stesso Schettino. "Siamo in pieno centro, a piazza fuga. "Cinesi di m****", “Porco ***o", "w la droga", "meno polizzei". Il tutto nasce da ragazzi habitué del bar che c’era prima. Da un lato sorrido per la bravata, dall’altro elimino con l’alcol l’ennesima stupida ferita che lascia questa città".

"L'innovazione a tanti fa paura, ma non accettare cambiamenti ed evoluzioni, è sintomo di ignoranza", ha spiegato ancora Enrico Schettino, "Ho deciso di aprire al Vomero, proprio dove anni fa ho lottato in prima linea, organizzando flash mob contro l’illegalità. Continuerò a farlo. Non ci ferma nessuno, mi dice intanto un amico. Forza Napoli". Le scritte razziste ed intimidatorie sui muri del locale verranno cancellate a breve, e non ci dovrebbero essere ritardi nella prossima apertura del locale, ben noto nel quartiere di Chiaia come il punto di ritrovo per i tanti che adorano la cultura giapponese. Proprio questo tipo di locali etnici (giapponese, cinese, indiano, eccetera) stanno avendo un autentico "boom" in tutta Napoli, non solo al centro storico ma anche nei quartieri residenziali, come appunto sulla collina del Vomero.