Il secondo test del concorso della Regione Campania si terrà il 13 febbraio 2020: lo ha spiegato il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, a margine di alcune dichiarazioni rilasciate ai cronisti dopo un evento tenutosi quest'oggi all'Istituto Pascale di Napoli. "Parliamo di tremila giovani che vanno a lavorare senza dover chiedere il piacere a nessuno", ha aggiunto ancora Vincenzo De Luca, "e ricordo che grazie ad un emendamento alla finanziaria, viene garantita la validità alla graduatoria per tre anni, quindi andranno a lavorare tutti i diecimila che abbiamo selezionato", ha concluso ancora il presidente della regione.

I candidatai che hanno passato la prova pre-selettiva che si è svolta lo scorso settembre, saranno dunque chiamati alla seconda prova: i vincitori del concorso avranno un primo contratto dalla validità di circa un anno e poi avverrà la stabilizzazione nei 166 comuni della Campania che hanno fatto richiesta di nuovo personale attraverso il concorso indetto da Palazzo Santa Lucia e gestito dal Formez. Concorso che dunque va avanti non senza qualche difficoltà: a metà dicembre, arrivò un vero e proprio colpo di scena con il Formez che, attraverso  un avviso sul proprio sito, ha comunicato che, a causa di problemi al software della correzione dei test, i punteggi per la categoria D (quella cioè riservata ai laureati) erano stati modificati, e che quindi la graduatoria era di conseguenza cambiata. Questo ha portato all'ingresso in graduatoria di persone che non erano state ammesse in precedenza e viceversa all'esclusione di persone che invece erano inizialmente state ammesse.