48.378 CONDIVISIONI
Coronavirus
19 Marzo 2020
16:33

A Napoli estubati due pazienti Covid gravi trattati con il Tocilizumab

A Napoli sono stati estubati due pazienti gravi grazie alla somministrazione del Tocilizumab, il farmaco per l’artrite reumatoide che si sta sperimentano per trattare anche la polmonite, la maggiore e più grave complicazione del Coronavirus. I due pazienti si trovano in Rianimazione e in prognosi riservata.
A cura di Valerio Papadia
48.378 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Da Napoli arriva una buona notizie, che lascia trapelare un cauto ottimismo riguardo la cura del Coronavirus: due pazienti sono stati estubati dopo aver ricevuto la somministrazione del Tocilizumab, il farmaco per l'artrite reumatoide che si sta sperimentando per curare anche la polmonite, la maggiore e più pericolosa complicazione del Covid-19. A renderlo noto è stato, all'Ansa, Vincenzo Montesarchio, infettivologo dell'ospedale Cotugno di Napoli, centro di riferimento in Campania per l'emergenza Coronavirus e il nosocomio che sta coordinando la sperimentazione del farmaco, partita ufficialmente proprio oggi: Al primo era stato somministrato il farmaco il 7 marzo, al secondo il 10 marzo. Erano entrambi in rianimazione in prognosi riservata: "Al primo era stato somministrato il farmaco il 7 marzo, al secondo il 10 marzo. Erano entrambi in rianimazione in prognosi riservata" ha dichiarato Montesarchio.

Si tratta, rispettivamente, di un uomo di 63 anni e di uno di 48 e sono i primi pazienti sottoposti alla somministrazione del Tocilizumab a far registrare dei miglioramenti così importanti. Come detto, erano ricoverati in Rianimazione e la prognosi era riservata, quindi le loro condizioni di salute erano da considerarsi gravi. "Un'ottima notizia – rimarca il dottor Montesarchio – erano in condizioni molto gravi, in rianimazione, intubati con una polmonite a evoluzione pessima e con prognosi riservata". Da quanto si apprende, attualmente, entrambi i pazienti si trovano in ventilazione assistita ma, se nel corso delle prossime ore dovessero mantenere i livelli di respirazione attuali, potrebbero lasciare la Rianimazione ed essere trasferiti in reparto.

48.378 CONDIVISIONI
27003 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni