9.352 CONDIVISIONI
Covid 19
6 Marzo 2020
21:13

In Campania chiuse tutte le discoteche fino al 15 marzo

Non solo la limitazione degli accessi nelle isole del Golfo di Napoli: il governatore della Campania Vincenzo De Luca ha disposto la chiusura di tutte le discoteche sul territorio regionale fino al 15 di marzo. Il presidente ha emanato proprio questa sera una apposita ordinanza, così come per le isole.
A cura di Valerio Papadia
9.352 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Due apposite ordinanze emanate questa sera dalla Regione Campania e dal governatore Vincenzo De Luca per limitare la diffusione del Coronavirus. Se, da un lato, si limita l'accesso alle isole del Golfo di Napoli, dall'altro il presidente ha disposto la chiusura di tutte le discoteche sul territorio regionale fino al 15 marzo. Come prescrive il ministero per evitare la diffusione dei contagi di Covid-19, bisogno evitare assembramenti e luoghi affollati e stare ad almeno 1 metro di distanza gli uni dagli altri: in questo senso, le discoteche non rispettano nessuna delle prescrizioni. Motivo per il quale, nell'ordinanza si legge: "Si ordina la sospensione immediata, e fino al 15 marzo 2020. su tutto il territorio regionale, delle discoteche".

Non solo. L'ordinanza parla anche di sospensione dei bar e "di ogni altro luogo di svago o divertimento la cui frequentazione, per le modalità di ritrovo, comporti assembramento degli utenti e comunque non consenta che il servizio sia espletato per i soli posti a sedere con il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro".

Una misura, quella della chiusura delle discoteche, così come quella della limitazione degli accessi alle isole, già paventata dal presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca nel corso della giornata odierna. Nel corso di un intervento a Lira Tv, il governatore ha fornito aggiornamenti sul Coronavirus in Campania: dei 57 casi registrati ad oggi, non ci sono casi gravi e la regione è pronta a far fronte a un contagio di massa. Oggi è arrivata però anche la notizia del primo morto, che dovrà essere confermata dall'Iss: si tratta di un 46enne con patologie pregresse deceduto ieri all'ospedale di Sessa Aurunca, nel Casertano.

9.352 CONDIVISIONI
31092 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni