Proseguono i controlli delle forze dell'ordine per verificare il rispetto delle limitazioni imposte per ridurre la diffusione del coronavirus in Italia. Ieri sera ad Ercolano, in provincia di Napoli, la Polizia di Stato è intervenuta per sciogliere un assembramento di giovani in via Pugliano, nei pressi della Basilica. Alcuni cittadini hanno ripreso l'intervento coi telefonini, le immagini sono state pubblicate sui social network, sul gruppo "Sei di Ercolano se…", e sono state condivise da molti utenti preoccupati che hanno ribadito l'invito: restare in casa, uscire solo per motivi di reale necessità.

Nel video si vedono gli agenti del commissariato Portici-Ercolano della Polizia di Stato che, con le mascherine sul volto, attraverso gli altoparlanti delle volanti invitano tutti a rientrare nelle proprie abitazioni. All'arrivo dei poliziotti il gruppo si è subito sciolto. In un altro video, girato questa volta a Pozzuoli (Napoli) e diffuso dallo stesso sindaco, Vincenzo Figliolia, si vedono diversi cittadini che sono fermi sulle panchine o passeggiano tranquillamente e si godono la giornata di sole.

"Vorrei veramente capire cosa non vi è chiaro del concetto ‘bisogna stare a casa' – dice il Primo Cittadino – avete capito che rischiamo di ammalarci tutti, compresi i nostri cari, voi stessi e i vostri figli? Avete capito che non esistono posti a sufficienza in tutta Italia per la terapia intensiva per poter dare assistenza? Siete degli incoscienti e non solo dimostrate di essere irresponsabili per gli altri, ma soprattutto per voi stessi. Bisogna stare a casa! Quello sul lungomare è un assembramento, create folla e pericolo per tutti".