885 CONDIVISIONI
Covid 19
24 Marzo 2020
12:39

Agli ospedali Cotugno e Monaldi non ci sono più posti letto liberi

Gli ospedali Cotugno e Monaldi, avamposto della lotta al Coronavirus in Campania, oggi hanno esaurito la disponibilità di posti letto tra malati Covid-19 in sala intensiva, pazienti bisognosi di cure ospedaliere e in attesa di tampone. Riaperto il Pronto Soccorso del Cto chiuso dopo una sanificazione obbligatoria.
A cura di Redazione Napoli
885 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Siamo arrivati al limite di capienza degli ospedali Cotugno e Monaldi di Napoli, avamposto della lotta al Coronavirus in Campania. Oggi, 24 marzo, sono tutti occupati i posti letto delle terapie intensive nell'Azienda dei Colli a Napoli. Nelle due strutture sono ricoverati 134 pazienti. Ce ne sono 127 positivi al Covid-19 e bisognosi di cure ospedaliere, mentre per altri 9 pazienti si è in attesa dell'esito dei tamponi.

Sono stati occupati i 6 posti letto nella Terapia intensiva del Monaldi. In Terapia intensiva al Cotugno, al momento sono ricoverate 23 persone in tutto e non ci sono più posti letto liberi. Al momento, dunque, è esaurita la disponibilità di posti letto, in regime di ricovero ordinario, che comprende anche una quota di sub intensiva, è esaurita, perché quelli disponibili sono attualmente occupati e anche quelli delle Terapie intensive. Ieri è stato bloccato per alcune ore il Pronto Soccorso del Cto di Napoli per sanificazione dei locali. Le operazioni si sono rese necessarie per l'arrivo di un paziente affetto da coronavirus che è stato soccorso dal personale medico in servizio ed è stato intubato.

All'ospedale "San Pio" di Benevento sono invece 15 in tutto, di cui dieci della provincia di Benevento, i pazienti positivi al Covid 19 ricoverati. Lo rende noto il direttore generale della struttura ospedaliera Mario Ferrante. Per 4 persone si è resa necessaria la terapia intensiva

885 CONDIVISIONI
31861 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni