4.031 CONDIVISIONI
Covid 19
20 Marzo 2020
22:05

Coronavirus Napoli, De Magistris deve chiudere (e subito) il mercato della Pignasecca

Il mercato della Pignasecca a Napoli è strapieno di gente: un video mostra come tra fruttivendoli, pescivendoli e salumieri l’assembramento sia garantito, con buona pace di regole e norme contro il contagio da Coronavirus. Cosa aspetta De Magistris a chiudere quella zona ed evitare il peggio nel centro città?
4.031 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

"Comme a vulèvamo vèncere ‘a guerra!". Ovvero come vogliamo vincerla mai, questa guerra? Un adagio napoletano tra il sarcastico e il rassegnato. Lo pronuncia un uomo che a bordo di uno scooter (perché era in giro? Non si sa) immortala una scena che preoccupa. E la guerra è quella che conosciamo tutti, contro l'ondata da contagi da Coronavirus. Ma nel pieno della battaglia,  il mercato della Pignasecca a Napoli è strapieno di gente. Altro che assembramenti, c'è folla, ammuina. Non dovrebbe essere così: Luigi de Magistris, sindaco di Napoli, cosa aspetta a chiudere tutto? In una situazione simile, al rione Sanità, i negozi hanno deciso di chiuder battenti, assimilati a mercati rionali. Alla Pignasecca invece no: la nota pescheria? Assembramento. Il fruttivendolo? Lo stesso. Il panettiere, il salumiere: idem.

Il video inevitabilmente fa il giro del mondo. Se ne accorge anche Walter Ricciardi, Professore ordinario di Igiene e Medicina Preventiva, luminare napoletano che ha già fatto sentire più volte la sua voce chiedendo alla popolazione di rispettare le regole e restare a casa. "L'insostenibile asimmetria tra la consapevolezza di chi combatte in trincea e vede la gente morire e chi si ostina a continuare come se niente fosse" commenta su Twitter Ricciardi.

Ora tocca al Comune di Napoli chiarire: è possibile lasciare i negozi aperti  in una zona di Napoli così popolosa, così trafficata, un bivio di stradine piccole dove anche la notte di Capodanno c'è caos? Forse è il caso di limitare pesantemente quella zona. Prendersi da sindaco un po' di insulti ma far spallucce, senza aspettare che a farlo sia la solita ordinanza della Regione Campania.

4.031 CONDIVISIONI
32147 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni