673 CONDIVISIONI
Covid 19
12 Marzo 2020
16:00

I contagi da Coronavirus a Napoli e in Campania aggiornati al 12 marzo

L’ultimo aggiornamento dell’Unità di Crisi della Regione Campania sul Coronavirus riferisce che, sul territorio regionale, sono 180 i contagiati. Come sempre, il bollettino riferisce dei due pazienti guariti, ma anche, per la prima volta, di un morto riconducibile al Covid-19: si tratta in un anziano deceduto all’ospedale Cotugno di Napoli.
A cura di Valerio Papadia
673 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

L'Unità di Crisi della Regione Campania sul Coronavirus aggiorna quotidianamente, più di una volta al giorno, sul numero dei contagiati da Covid-19 sul territorio regionale. A oggi, 12 marzo siamo a 200 positivi al Covid-19. "L'Unità di Crisi della Protezione civile della Regione Campania comunica che in mattinata sono stati esaminati 54 tamponi presso il centro di riferimento dell'ospedale Cotugno. 20 di questi sono risultati positivi. Come per tutti gli altri, si attende la conferma ufficiale da parte dell'Istituto Superiore di Sanità".  Proprio oggi, in una lettera inviata ai direttori generali e ai commissari straordinari delle Aziende ospedaliere e di quelle ospedaliere universitarie, la Regione Campania, poi, dispone la sospensione, fino al 6 aprile, dei ricoveri programmati, sia medici che chirurgici, nelle strutture ospedaliere pubbliche, private accreditate e negli ospedali classificati della Campania. La sospensione è per "tutti i ricoveri programmati ad eccezione dei ricoveri per pazienti onco-ematologici medici e chirurgici". Resta possibile effettuare "solo ricoveri con carattere d'urgenza non differibili".

Nella giornata di ieri, dalla task force regionale, è arrivata anche la notizia del primo morto ufficiale da imputare al Coronavirus in Campania: si tratta di un anziano, deceduto all'ospedale Cotugno di Napoli. Oltre all'anziano, nel conteggio delle persone decedute in Campania a causa del Covid-19 vanno purtroppo inseriti anche il 46enne di Mondragone, affetto da gravi patologie pregresse e la donna ultraottantenne di San Prisco, entrambi nella provincia di Caserta; la donna di 81 anni di Ercolano, deceduta invece all'ospedale Santa Maria della Pietà di Nola, nella provincia di Napoli.

Intanto, da questa mattina, la situazione nel nostro Paese è nuovamente cambiato: con il nuovo Dpcm annunciato ieri sera, l'Italia è in lockdown fino al 25 marzo. Tutte le attività sono chiuse, fatta eccezione per le farmacie e gli alimentari, mentre ai cittadini è raccomandato in maniera categorica di non uscire di casa se non per questioni strettamente necessarie.

673 CONDIVISIONI
31093 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni