4.074 CONDIVISIONI
Covid 19
25 Marzo 2020
7:32

Raccontò coronavirus attaccata al respiratore, la dottoressa di Ariano Irpino torna a casa

È guarita dal Covid19 la dottoressa Daniela De Rosa, medico veterinario, tra i primi casi di positività al coronavirus ad Ariano Irpino (Avellino). Durante il ricovero in ospedale aveva diffuso un video in cui, attaccata al respiratore, metteva in guardia gli altri raccontando la propria sofferenza e raccomandando di seguire i decreti.
A cura di Nico Falco
4.074 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

È tornata finalmente a casa Daniela De Rosa, il medico veterinario che era ricoverato all'ospedale Rummo di Benevento, tra i primi casi di positività al coronavirus ad Ariano Irpino: è guarita dal Covid19, dopo un calvario che aveva deciso di mostrare a tutti con un video per far capire la gravità della patologia e mettere in guardia gli altri, pregandoli di rispettare i decreti e le indicazioni governative per limitare il contagio. Lo ha comunicato Fabio Della Marra Scarpone, sindaco di Savignano Irpino.

"Con gioia immensa – dice Della Marra Scarpone – comunichiamo a tutti voi che la nostra cara concittadina oggi sarà dimessa dall'ospedale di Benevento, dopo aver vinto la sua battaglia personale contro il Covid-19. Oggi potrà ricongiungersi al proprio nucleo familiare ed ai suoi piccoli e, perché no?, anche alla sua comunità che ha tanto pregato per lei. Comunichiamo inoltre che le condizioni del nostro cittadino attualmente ricoverato sono stabili".

Nei giorni scorsi la dottoressa De Rosa aveva deciso di diffondere sui social un video in cui, dal letto di ospedale e attaccata ai respiratori, ha voluto parlare a cuore aperto a tutti quelli che prendevano con superficialità la malattia e infrangevano i decreti. "Volevo che mi vedeste – aveva detto – guardate nei miei occhi e nel mio corpo la sofferenza che si deve affrontare per combattere questo virus. Serve senso civico, ci sono state falle ovunque, ma partiamo da noi: quanti non hanno rispettato i decreti , assolutamente consapevoli di dover fare quarantena non l'hanno fatto e stanno mettendo a rischio la propria vita e quella degli altri. Ognuno di noi doveva fare la propria parte, inutile prendersela con le istituzioni. Siamo stati tutti colpevoli".

4.074 CONDIVISIONI
31624 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni