San Giuseppe Vesuviano è considerata la "chinatown" dell'area in provincia di Napoli alle falde del Vesuvio. La paura del coronavirus è ormai quasi psicosi. E per prevenire ed "evitare inutili disagi" il sindaco Vincenzo Catapano ha disposto la chiusura delle scuole fino al 28 febbraio. "Il comune di San Giuseppe Vesuviano ospita una consistente comunità cinese – si legge nell'ordinanza – e molti membri di tale comunità risultano rientrati nelle ultime settimane nonostante la interruzione dei voli diretti, da tale regione, sfuggendo di fatto ai controlli sanitari istituiti alle frontiere".

Quindi, "ritenuto fondamentale ai fini della tutela della salute pubblica, avviare uno screeneng sanitario su tutti coloro che sono rientrati dalla Cina negli ultimi 15 giorni, per verificarne l’eventuale positività al test del coronavirus» e dato atto che "è stata investita la Prefettura di Napoli per sollecitare un intervento diretto del Console della Cina a Napoli, affinché si avvii un rapporto di proficua collaborazione con la popolazione di origine cinese che vive sul nostro territorio, al fine di individuare per tempo e isolare eventuali casi sospetti» è stata disposta "la chiusura di tutte le scuole cittadine di ogni ordine e grado, pubbliche e private, a partire dalla data di emissione della presente ordinanza e fino al giorno 28 febbraio 2020 incluso". In questi giorni, quasi sicuramente lunedì e martedì, già molte scuole restano chiuse per il Carnevale.