Strade e marciapiedi lindi e pinti, lavati periodicamente con le spazzatrici automatiche come nelle altre grandi città italiane ed europee. Anche a Napoli si può. Parte a settembre la programmazione per lo spazzamento meccanizzato da parte di Asìa. Un progetto per il momento limitato ai soli quartieri del Vomero e dell'Arenella, grazie alla V Municipalità che si è fatta pioniere. Mai più cartacce, cicche ed escrementi di cane ammonticchiati sui marciapiedi a marcire. Le strade dei due quartieri collinari saranno lavate periodicamente tutti i mesi, grazie all'utilizzo di 4 macchine spazzatrici. Gli interventi avverranno ogni primo mercoledì del mese, dalle 8 alle 12. E in quelle ore vigerà il divieto di sosta. Il progetto è frutto di un accordo congiunto tra la Municipalità, il Comune di Napoli, le società partecipate Asìa e Anm, che sta installando la segnaletica.

Proprio in questi giorni, infatti, gli operai dell'azienda dei trasporti stanno montando i cartelloni sui capostrada delle vie interessate che annunciano l'avvio del servizio e dispongono il divieto di sosta con rimozione carro gru nei giorni dello spazzamento. Non è mancato qualche residente che si è lamentato, perché nei giorni segnati dovrà gioco forza spostare la propria auto. Ma i vantaggi di avere una città più pulita e vivibile sono impareggiabili.

Ecco le strade che saranno spazzate da settembre

Ed ecco la mappa di tutte le strade che rientrano nel piano di spazzamento della V Municipalità. Sono circa una ventina: via Domenico Fontana, via Bernardo Cavallino, via Rossini, Vico Acitillo, via Ribera, via Gemito, via Pietro Castellino, via S.S. Caruso, vico Cacciottoli, via Kerbaker, piazzetta Durante, via Torrione San Martino, via Sacchini, via Jannelli (tratto compreso tra Largo Cangiani via Fragnito), via Fragnito, via G. Palermo, via Freud, via Del Torto, via Diamare, via Calvanico. Oltre a queste che saranno interessate dal programma sperimentale, ci sono anche le altre strade dove lo spazzamento già viene effettuato, come via Luca Giordano e via Scarlatti, che però sono aree pedonali, o nell'anello ospedaliero.

Le auto in sosta nei giorni vietati saranno rimosse dal carro gru

“La difficoltà finora, infatti – spiega Enrico Von Arx, consigliere locale – era proprio intervenire sulle strade che sono aperte alla circolazione delle auto. Qui, tra sosta selvaggia e traffico, è sempre difficile per gli operatori di Asìa svolgere il proprio lavoro. Finora, in queste strade ci si limitava solo allo spazzamento sui marciapiedi. Ma il grosso dei rifiuti in genere si accumula ai margini della carreggiata: cartoni bagnati, sacchetti o bottiglie incastrati sotto le auto in sosta. E gli operatori non riescono a intervenire efficacemente con i soffioni. Si creavano così delle microdiscariche che poi bisognava rimuovere periodicamente con dei blitz degli operatori, ordinando i divieti di sosta temporanei. Adesso, invece, con un calendario fisso e noto in anticipo ai residenti si potrà agire in maniera programmata”. Sarà dovere degli abitanti, a questo punto, non parcheggiare l'auto nei giorni vietati, altrimenti rischiano di prendere la multa o di vedersi portar via la vettura dal carrattrezzi.