L’Ospedale Santobono di Napoli.
in foto: L’Ospedale Santobono di Napoli.

Ha rischiato di morire, colpita da una sindrome emolitico uremica che le ha provocato una grave forma di dissenteria. Una bimba napoletana di 6 anni è stata però salvata grazie alla sinergia tra l'Aeronautica Militare italiana, l'ospedale Santobono, la presidenza del Consiglio dei Ministri e l'ambasciata italiana in Polonia. La piccola, infatti, vive nel Paese dell'Est Europa con i genitori, lì per lavoro. Dopo un viaggio in Egitto, la bimba ha cominciato ad accusare i primi problemi. Ricoverata in Polonia, la bambina di 6 anni è stata intubata e ha subito addirittura un arresto cardiaco.

Si è deciso così di spostare la piccola, per volere dei genitori – che avrebbero voluto fin dall'inizio – all'ospedale Santobono di Napoli, nosocomio pediatrico di eccellenza. La bambina è stata fatta salire su un volo militare del 31esimo stormo dell'Aeronautica, seguita durante tutto il viaggio da una equipe medica, ed è stata trasferita così nell'ospedale napoletano. La bimba è stata ricoverata in Rianimazione e tenuta sotto stretta osservazione: qui, l'equipe medica del Santobono ha riportato i valori della piccola alla normalità, tanto da consentirne il trasferimento nel reparto di Nefrologia. Adesso la piccola non presenta più i problemi cardiaci e respiratori dovuti alla sindrome emolitico uremica.