1.152 CONDIVISIONI
Opinioni
9 Giugno 2018
16:35

De Magistris, gaffe con la Svizzera: “A Lugano più suicidi perché funziona tutto”

Uscita infelice del sindaco partenopeo, che durante la cerimonia di conferimento della cittadinanza onoraria al filosofo Aldo Masullo ha ironizzato: “A Lugano c’è il più alto tasso di suicidi e di persone che prendono psicofarmaci, perché funziona tutto”. E il sindaco di Lugano replica: “Mi pare una conclusione un po’ azzardata, anche noi abbiamo i nostri problemi”. Non è la prima volta che il sindaco di Napoli se la prende con la città del Canton Ticino: in un’altra occasione alcuni mesi fa raccontò: “Ci sono stato, mi è venuta l’ansia”
A cura di Giuseppe Cozzolino
1.152 CONDIVISIONI
Luigi de Magistris, sindaco di Napoli
Luigi de Magistris, sindaco di Napoli

Una improvvida dichiarazione del sindaco di Napoli Luigi De Magistris causa una gaffe e polemiche con la Svizzera. In occasione della cittadinanza onoraria al filosofo Aldo Masullo, De Magistris ha sparato una battuta sulla città elvetica di Lugano, nel Canton Ticino, che sta suscitando parecchie polemiche Oltralpe, e non solo, provocando anche la secca replica stizzita del primo cittadino di Lugano, Marco Borradori, in carica dal 2013.  "A Napoli c'è una energia enorme, è una città piena di problemi, ma con la capacità di affrontarli", aveva detto Luigi De Magistris, nel corso del suo intervento durante il conferimento della cittadinanza onoraria al filosofo Aldo Masullo, "anche con l'ironia, l'umorismo, la passione la cultura, la volontà e la dignità. Chi sa affrontare le sofferenze, alla fine riscopre anche maggiormente il gusto di vivere, non solo di sopravvivere". Poi, l'infelice battuta verso la cittadina elvetica. "A Lugano c'è il più alto tasso di suicidi e di persone che prendono psicofarmaci, perché funziona tutto". Ma dal Canton Ticino la risposta è arrivata prontamente.

Come riporta il Corriere del Ticino, a scendere in campo contro l'infelice uscita del sindaco partenopeo è stato il suo alter ego elvetico, Marco Borradori, sindaco di Lugano dal 2013. "Mi pare una conclusione un po' azzardata. In realtà anche noi siamo stati capaci di superare i nostri problemi. Cerchiamo di fare in modo che tutto funzioni, certo, ma anche Lugano e i luganesi hanno i loro grattacapi, come accade in qualsiasi città del mondo", ha spiegato Borradori al giornale elvetico in lingua italiana: "Mi guarderei bene dal considerare il Ticino un'isola felice. Se vorrà tornare, potremo discutere dei rispettivi problemi" ha aggiunto ironicamente Borradori.

Non è la prima volta che il sindaco di Napoli si era recato a Lugano qualche tempo fa in occasione di una mostra su Totò. E anche allora, di ritorno nella città partenopea si era prodotto in battutine ironiche che sono visionabili sul canale Youtube di Nanotv.it, datate novembre 2017: "Sono stato a Lugano, ad un certo punto mi è presa una strana sensazione: il lago era fermo, gli alberi erano immobili, le persone pareva quasi non si muovessero. Insomma, funzionava tutto…ma sono arrivato verso sera mi è presa un'ansia… La mattina passo per un parco e vedo un signore che armeggia sugli alberi. Gli chiedo cosa stia facendo e lui mi risponde: no, noi verifichiamo lo stato di salute degli alberi…me ne so' fujuto ‘a Lugano, sono scappato via da Lugano"

1.152 CONDIVISIONI
Giuseppe Cozzolino, giornalista, classe 1984. Laureato in Lingue Straniere, lavoro con Fanpage.it dal 2012, attualmente in forza alla redazione di cronaca di Napoli. Videogamer e appassionato di musica, di cani e di storia, soprattutto antica.
Emergenza freddo, Napoli non apre le stazioni della metro ai clochard, scontro De Magistris-Trapanese
Emergenza freddo, Napoli non apre le stazioni della metro ai clochard, scontro De Magistris-Trapanese
A Napoli tre nuovi parcheggi sotterranei con 863 posti a piazza Vittoria, Stadio Maradona e Vomero
A Napoli tre nuovi parcheggi sotterranei con 863 posti a piazza Vittoria, Stadio Maradona e Vomero
Il 15enne pugnalato per una lite sui social è fuori pericolo: ma a rischio la funzione degli organi
Il 15enne pugnalato per una lite sui social è fuori pericolo: ma a rischio la funzione degli organi
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni