Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris si è recato in ospedale dai familiari di Ulderico Esposito, il tabaccaio della stazione metro di Chiaiano che lotta tra la vita e la morte in seguito alla barbara aggressione subita da mano criminale nei giorni scorsi. "Stamattina  – spiega il sindaco partenopeo – sono passato presso il pronto soccorso dell'ospedale Cardarelli per salutare i familiari di Esposito. È inaccettabile questo ulteriore episodio di violenza inaudita. Starò umanamente e concretamente vicino ad Ulderico ed alla sua famiglia".

Le condizioni del tabaccaio Ulderico Esposito

Le condizioni di salute del tabaccaio Ulderico Esposito sono stabili. Ricoverato all'ospedale Cardarelli, è in prognosi riservata: i medici  lo ritengono ancora in pericolo di vita. L'uomo di 52 anni è stato aggredito da un immigrato nigeriano di  36 anni con un pugno al volto che gli  ha causato poi un'emorragia cerebrale. Sulla vicenda si è espresso anche il vice-premier e ministro degli Interni, Matteo Salvini, che nei giorni scorsi e non senza polemica ha annunciato ai quattro venti che "il nigeriano sarà espulso col decreto Sicurezza".

La solidarietà della Federazione Italiana Tabaccai

Francesco Marigliano, Presidente Provinciale di Napoli della Federazione Italiana Tabaccai, l'organizzazione sindacale che rappresenta i rivenditori di generi di monopolio e che nella sola Napoli e provincia partenopea conta oltre 1.300 tabaccherie ha non solo espresso solidarietà alla famiglia ma ha schierato la sua organizzazione a tutela del collega, ferito durante il lavoro e ovviamente della sua famiglia che spera solo in una rapida e completa guarigione.