486 CONDIVISIONI
Covid 19
15 Marzo 2020
14:29

Escono di casa per giocare ai videogame: denunciati due giovani

Due giovani sono stati denunciati dai carabinieri a Napoli per aver violato le disposizioni del Dpcm del governo per l’emergenza Coronavirus ed essere usciti di casa senza una motivazione. I due ragazzi, infatti, sono stati rintracciati su via Toledo, nel cuore della città, mentre si recavano a casa di un amico per recuperare un joystick e giocare ai videogame.
A cura di Valerio Papadia
486 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Continuano le operazioni delle forze dell'ordine per assicurare il rispetto del Dpcm del governo che, in emergenza Coronavirus, impone agli italiani di rimanere in casa e di non spostarsi se non per questioni urgenti, come il lavoro, motivi di salute o il reperimento di beni di prima necessità. Proprio per la violazione alle disposizioni governative dettate dall'emergenza sanitaria del Covid-19, a Napoli i carabinieri hanno denunciato due giovani, usciti di casa in piena notte per giocare ai videogame. Nella fattispecie, i militari dell'Arma hanno rintracciato i due giovani, un 21enne e un 22enne del posto mentre, questa notte, passeggiavano in via Toledo, nel cuore di Napoli: i due si stavano recando a casa di un amico per recuperare un joystick con il quale poter giocare ai videogiochi. Lo hanno detto anche ai carabinieri che li hanno fermati, che non hanno potuto fare altro che denunciarli in inottemperanza del decreto.

C'è di più: i due giovani rischiano anche di essere "obbligati" ad osservare la quarantena. Lo scorso 13 marzo, infatti, il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha firmato una ordinanza con la quale si impone la quarantena a chiunque venga sorpreso a circolare per strada senza una delle motivazioni urgenti che ormai conosciamo. Il provvedimento è arrivato proprio dopo l'ennesimo assembramento in strada e i numerosi controlli delle forze dell'ordine che, nei giorni scorsi, in tutta la Campania hanno denunciato decine di cittadini e di esercenti che hanno violato le disposizioni dei Dpcm del governo e hanno tenuto aperte le proprie attività oppure sono stati sorpresi in strada senza motivo.

486 CONDIVISIONI
31092 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni