Dramma, questa mattina, all'ospedale Loreto Mare di Napoli: una donna, incinta al nono mese, è arrivata nel nosocomio di via Vespucci, autonomamente, con una vasta emorragia vaginale, come rende noto Il Mattino. La donna è stata subito portata in sala operatoria, dove i medici hanno subito provato a fermare l'emorragia, accorgendosi al contempo che il feto – la cui nascita era stata programmata per il prossimo martedì, con taglio cesareo – era già morto. Quando i sanitari hanno però comunicato cosa fosse accaduto ai parenti della donna, che l'avevano accompagnata in ospedale, questi hanno inveito contro medici e infermieri, minacciandoli.

Una questione, quella delle minacce sia fisiche che verbali all'indirizzo del personale sanitario, che purtroppo si ripete spesso negli ospedali napoletani. Soltanto due giorni fa, una dottoressa è stata aggredita al Pronto Soccorso dell'ospedale San Giovanni Bosco. La dottoressa è stata picchiata da due donne, che si sarebbero introdotte nel nosocomio partenopeo aggirando i divieti: medicata dai colleghi, ha riportato feriti, soprattutto al volto, giudicate guaribili in 30 giorni.