Una terribile storia fatta di ripetuti abusi sessuali in famiglia arriva da San Marzano sul Sarno, in provincia di Salerno, dove un uomo di 39 anni avrebbe ripetutamente violentato la figlia. L'indagine della Procura di Salerno parte nel 2014, quando la moglie dell'uomo, vittima di percosse, denuncia violenze, questa volta di natura sessuale, ai danni della figlia piccola. Le indagini scoprirono che, spesso, anche un amico dell'uomo approfittava della ragazzina, che spesso veniva drogata affinché non reagisse.

Accuse confermate anche durante l'ultima udienza del processo a carico del 39enne, svoltasi qualche giorno fa nel Tribunale di Nocera Inferiore. A ribadire la accuse, durante il dibattimento, è l'attuale fidanzato della vittima, un uomo di origine marocchina: "Con questa storia non c'entro nulla – ha detto il ragazzo straniero – ma quando andavo a casa, da lei, vedevo che quell’uomo usciva dalla camera da letto con il pantalone slacciato. Lei era all’interno e ricordo che chiedeva aiuto". Il padre aguzzino è stato già condannato con rito abbreviato a due anni e sei mesi di reclusione.