Da Facebook – Pasqualino Stoto
in foto: Da Facebook – Pasqualino Stoto

Sequestrata la casa di riposo di Carinola, nel Casertano, dove due persone sono morte a causa di un incendio, ed altre quattro sono rimaste ferite. Gli inquirenti stanno valutando la possibilità di aprire un fascicolo per omicidio colposo: domani si terranno le autopsie sui corpi delle due vittime, Anna Penta, 56 anni, di Sant'Agata dei Goti, ed Emma Romagnolo, 79 anni, di Sant'Andrea del Pizzone. Probabilmente al termine degli esami, la Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere prenderà una decisione sull'apertura del fascicolo e dell'ipotesi di omicidio colposo. I quattro feriti sono stati portati in ospedali della zona, mentre gli altri ospiti della casa di riposo, in massima parte anziani e persone con problemi di disabilità e deambulazione, sono stati invece o temporaneamente trasferiti in altre strutture oppure riaffidati ai familiari.

La vicenda è sotto la lente d'ingrandimento dei carabinieri di Mondragone e della squadra di polizia giudiziaria dei Vigili del Fuoco di Caserta: si cerca di capire soprattutto se sussistano responsabilità oggettive da parte di chi avrebbe dovuto vigilare e garantire la sicurezza degli ospiti all'interno della struttura oggi posta sotto sequestro. Quest'ultima si trova all'interno di un vecchio palazzo che si trova al centro di Carinola e che appena poco tempo fa era stato oggetto di lavori. Ma dai primissimi accertamenti, sarebbero emersi indizi che fanno pensare a gravi mancanze sotto il profilo dei dispositivi necessari per tutelare l'incolumità degli ospiti e delle vie di fuga.