Antonio Rastrelli
in foto: Antonio Rastrelli

È morto a 91 anni Antonio Rastrelli, presidente della Regione Campania dal 1995 al 1999, esponente del Movimento Sociale Italiano e poi di Alleanza Nazionale. Fu anche sottosegretario al Tesoro del governo Berlusconi I. Nato a Portici, iniziò a fare politica nel 1948 nel Movimento Sociale Italiano e in seguito divenne consigliere comunale e capogruppo dell'Msi in consiglio comunale a Napoli. Fu eletto per la prima volta senatore nel 1979 e per l'ultima nel 1994, quando fu eletto alla Camera nel collegio Napoli-Vomero e fu nominato Sottosegretario al Tesoro da Silvio Berlusconi.

Le elezioni regionali del 1995

Si candidò alla presidenza della Regione Campania nel 1995 con una colazione di centrodestra e riuscì a vincere con il 47,86 per cento delle preferenze riuscendo a battere il candidato del centrosinistra Giovanni Vacca (che prese il 39 per cento). Nel 1999 fu costretto alle dimissioni per una crisi politica all'interno della sua maggioranza, si ricandidò ma venne sconfitto da Antonio Bassolino. In entrambe le tornate elettorali conquistò un numero di preferenze individuali molto superiore all'insieme delle sue liste. Nel 2001 si dimise dal consiglio regionale della Campania perché fu eletto, all'unanimità dal Parlamento e su indicazione del Presidente della Repubblica Ciampi, membro laico del Consiglio di presidenza della giustizia amministrativa. Nel 2007 passò a La Destra guidata da Francesco Storace.